Risorse survival

Sapresti riconoscere una Vipera?

 

In questo articolo ti forniremo le indicazioni più dettagliate per scoprire se hai davanti una vipera o un serpente comune (biscia, saettone, biacco, colubro etc)

Mi raccomando, che si tratti di una vipera o un serpente comune, non hai motivo ne ragione di ammazzarli.

Altra indicazione da tenere a mente è che ogni morso di serpente va considerato potenzialmente pericoloso. Se pur non veleno, la saliva degli animali può trasmettere molte malattie, quindi nel dubbio, recati in ospedale o dal tuo medico curante per maggiore sicurezza e tranquillità.

Partiamo dalle basi.

Alcune caratteristiche Fondamentali

La vipera è un serpente lungo meno di un metro (generalmente 40- 80 cm), di colore grigio-marrone, talora rossastro o giallastro, con una inconfondibile striscia a zig-zag sul dorso. La testa è triangolare ed è più larga del corpo, occhio a fessura verticale; presenta una coda che finisce sottile dopo il corpo cilindrico. Alcuni esemplari possono essere anche di colore molto scuro. Quando capita di incontrare un serpente lungo il cammino tendiamo a pensare subito alla vipera, ma non facciamoci prendere dal panico e anzi sfruttiamo l’occasione per osservarla senza disturbarla per imparare a conoscerla meglio e per affrontare questo incontro senza rischi. Ricordati, le vipere: non saltano e non scendono dagli alberi.

Cosa fare in caso di morso?

La vipera è velenosa, ma il suo veleno in molti casi non è letale, soprattutto se si prendono determinate precauzioni in caso di morso. In genere diventa letale su soggetti deboli: anziani, persone con patologie debilitanti, cardiopatici, bambini piccoli, animali come cani e gatti.

La gravità dell’avvelenamento dipende anche dalla quantità di veleno iniettato; ed un individuo che attacca può anche mordere ripetutamente fino a scaricare del tutto le ghiandole velenifere. Tieni presente che il veleno è essenziale per la vita del rettile, quindi la vipera tende a non sprecarlo mordendo senza un motivo preciso. Per questo, in caso di morso, a volte si ha evidenza della sede di puntura, ma non c’è comparsa di sintomi!

Le parti del corpo che vengono morse nella maggior parte dei casi sono: mano, piede, polpaccio, arti inferiori e superiori; mentre i punti più pericolosi ma anche più rari sono il collo o la testa.

 

Da cosa dipende la gravità del morso?

La gravità e la pericolosità di un morso variano secondo le seguenti principali situazioni:

sede del morso

tempo trascorso dal morso

temperatura ambientale (il caldo, per la vasodilatazione, facilita il passaggio in circolo del veleno)

attività svolta dalla vittima dopo il morso ( se la vittima inizia a correre aumenta il passaggio in circolo del veleno)

età del rettile (le vipere giovani hanno un veleno meno pericoloso).

Circa il 20% dei morsi di serpente sono morsi “secchi” in cui non vi è alcuna inoculazione di veleno.

Come riconoscere il morso di una vipera?

Il segno caratteristico è la presenza di 2 piccoli fori distanziati di 0,5-1 cm, più profondi degli altri, corrispondenti ai segni lasciati dai denti veleniferi.

Talvolta il morso può presentare anche altri segni: oltre ai fori dei denti veleniferi, infatti, può essere presente il segno lasciato dagli altri denti, molto meno profondo ed evidente.

Il morso di altri serpenti non velenosi, non presenta i due fori maggiori, ma il segno dell’intera arcata dentaria, a forma di V.

Vuoi iscriverti o saperne di più? contattaci compilando il nostro FORM

    Chiama ora
    ×

    Powered by WhatsApp Chat

    ×